L’importanza dell’equilibrio del microbiota per la salute e la forma fisica.
518
post-template-default,single,single-post,postid-518,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
Alimentazione-fitness-sport-microbiota-allenamento

L’importanza dell’equilibrio del microbiota per la salute e la forma fisica.

Microbiota. Che strana parola, vero? Eppure la sua importanza per la nostra salute è essenziale. E influisce, di conseguenza, anche sulla nostra performance fisica durante e dopo gli allenamenti.

 

Il microbiota e sue possibili alterazioni

 

Il tratto intestinale del nostro organismo, infatti, è popolato da una moltitudine di batteri appartenenti a differenti specie (alcune “buone” e altre “cattive”) che vengono globalmente indicate con il nome di microbiota.  Esso gioca un ruolo di fondamentale importanza nel preservare la nostra salute, ma anche nel determinare la qualità dello stato nutrizionale.

Diversi studi, infatti, dimostrano come i cosiddetti batteri cattivi siano coinvolti nel rilascio nel torrente ematico di endotossine, causando così l’insorgenza di uno stato infiammatorio. Le alterazioni dell’equilibrio del microbiota sono strettamente legate allo stile di vita che, il più delle volte, si rivela scorretto, predisponendo così l’organismo all’insorgenza di epatopatie, sarcopenia, diabete e patologie metaboliche.

 

microbiota-intestino-alimentazione-flora batterica

 

Alimentazione e microbiota

 

Un’alimentazione corretta e adeguata – afferma la dott.ssa Thea Musumeci, consulente nutrizionale di Ekipe Sport and Family Clubè fondamentale al fine di ottenere risultati ottimali in palestra, non solo per garantire all’organismo l’adeguato apporto di nutrienti necessario a supportare l’impegno muscolare, ma anche per preservare quanto più possibile il corretto equilibrio del microbiota. Non tutti sanno, infatti, che le endotossine prodotte dai batteri cattivi riducono la sintesi proteica muscolare (che determina a sua volta la costruzione dei muscoli), rendendo così non ottimali i risultati tanto agognati dopo mesi di allenamento”.

Lo stato infiammatorio indotto dalla disbiosi, così viene indicata un’alterazione quali-quantitativa della flora batterica intestinale – continua la dott.ssa Musumeci -, causata a sua volta da una dieta povera in fibre, troppo ricca di grassi nocivi e zuccheri semplici a rapida assimilazione (in particolare fruttosio), riduce inoltre la sensibilità insulinica favorendo così l’incremento del grasso corporeo”.

 

alimentazione-intestino-pancia-microbiota-alimentazione-sport

 

Alimentazione, microbiota e attività fisica

 

Ma non finisce qui: “Il corretto equilibrio del microbiota – conclude la dott.ssa Thea Musumeciè anche fondamentale per garantire un adeguato assorbimento dei nutrienti. Quando mangiamo, il cibo viene scisso in parti sempre più piccole per essere assorbito, ma di fronte ad un’alterazione della flora batterica intestinale, alimenti come ad esempio i vegetali non vengono digeriti del tutto, determinando così senso di gonfiore e meteorismo. Tutto questo, infine, non può non ripercuotersi anche sui risultati in palestra: i muscoli, infatti, non beneficiano di tutti i nutrienti introdotti con l’alimentazione e di cui necessitano a seguito di una sessione di allenamento”.

Avete ancora dubbi sull’importanza di mantenere l’equilibrio del vostro microbiota? Non sapete come fare nella vita quotidiana?

I consigli di un esperto, in questo caso, rappresentano la soluzione più sicura!

 

Potrebbe interessarti anche: Girovita aumentato dopo le festività natalizie? Scegli cibi semplici e fai tanta attività fisica!.

 

Seguici su Facebook e Instagram.

 

 

Dott.ssa Thea Musumeci-alimentazione-nutrizione-food-sport-ekipe-cataniaLa dott.ssa Thea Musumeci è consulente nutrizionale di Ekipe Sport and Family club. Laureata in biologia molecolare presso l’Università degli studi di Milano, ha effettuato un tirocinio presso il laboratorio di Epidemiologia molecolare del dipartimento G.F.  Ingrassia di Catania operando la sorveglianza nutrizionale e di laboratorio in diversi gruppi di popolazione. Inoltre, ha conseguito un master di specializzazione in “Nutrizione Umana”. Oggi collabora con diverse aziende e riceve, previo appuntamento, presso il centro sportivo.